numero verde
icona calendario  

PRENOTA
APPUNTAMENTO

Facebook icon
YouTube icon

Chiedi al nostro otorino

Domanda

A mio nipote di 6 anni lo specialista otorino ha riscontrato un "otite sierosa bilaterale". Per guarirlo ha consigliato un piccolo intervento per applicare dei tubetti attraverso le membrane timpaniche. Di che cosa si tratta più precisamente, ci possono essere complicazioni?
Risponde il dott. Silvano Prosser audiologo otorino
L'otite sierosa è molto frequente nei bambini, e si tratta di un accumulo di secrezione siero-mucosa nella cassa timpanica, mentre la membrana timpanica resta integra. Questa condizione è frequente in bambini con ipertrofia adenoidea o con allergie nasali. Essa comporta una perdita uditiva di 25-35 dB, che se persistente può causare problemi di ascolto soprattutto a scuola. L'apposizione di drenaggi (i tubetti), indicata nelle forme più resistenti alle terapie mediche, serve per far uscire la secrezione dalla cassa timpanica e per arearla, in modo da ricuperare la perdita uditiva. Quando la tuba uditiva riprende la sua funzione di areazione della cassa timpanica i tubetti possono essere rimossi. I fori prodotti nella membrana timpanica si cicatrizzano in una ventina di giorni.
Otorino

Dott. Silvano Prosser

Professione

- Medico chirurgo (Università Bologna, 1972)

- Specialista in Otorinolaringoiatria e Audiologia (Università Ferrara, 1975, 1982)

- Medico ospedaliero Ospedale Civile Rovereto (1972-1976) e S. Camillo Trento (1976-78)

- Medico ospedaliero e dirigente medico presso il servizio di Audiologia Arcispedale S.Anna Ferrara (1978-2003)

- Incarico di ricerca dall’Università (2003-2013)

Insegnamenti

- Professore presso le scuole di specializzazione medica e per tecnici di audiometria, logopedia, audioprotesi, Università di Ferrara (1978-2016)

Ricerca

- Neurofisiologia uditiva di base e applicata alla diagnostica otoneurologica

- Psicoacustica applicata alle verifiche protesiche.

Pubblicazioni
- Autore di 230 pubblicazioni di argomento audiologico di cui 160  "in extenso" su riviste nazionali e internazionali o su volumi. (elenco sul sito docente unife.it)