numero verde
icona calendario  

PRENOTA
APPUNTAMENTO

Facebook icon
YouTube icon

Chiedi al nostro otorino

Domanda

Ho sentito parlare di esostosi del condotto uditivo. Vorrei sapere che cosa sono, quali sono le cause per cui si possono formare e se esiste una soluzione parziale o completa di questa patologia.
Risponde il dott. Silvano Prosser audiologo otorino
L'esostosi del condotto uditivo esterno consiste in una piccola escrescenza ossea, delle dimensioni di poco meno di un chicco di riso, che si localizza sulla parete del condotto uditivo esterno, nelle vicinanze della membrana timpanica. Più spesso è unica, più raramente ve ne possono essere due o tre distribuite sulla circonferenza del condotto. La neoformazione non è maligna, e si osserva con maggior frequenza in professionisti subacquei per cui si ritiene che un fattore favorente possano essere gli squilibri di pressione che si verificano in quella sede. Non produce nessun disturbo se non quando impedisca l'uscita spontanea del cerume, o quando favorisca lo sviluppo e la persistenza di infiammazioni cutanee locali, o quando le esostosi occludano completamente il condotto provocando una sordità trasmissiva. In questo caso la soluzione è l'asportazione chirurgica, intervento specialistico che contempla la ricalibrazione del condotto uditivo osseo e la sua riepitelizzazione.
Otorino

Dott. Silvano Prosser

Professione

- Medico chirurgo (Università Bologna, 1972)

- Specialista in Otorinolaringoiatria e Audiologia (Università Ferrara, 1975, 1982)

- Medico ospedaliero Ospedale Civile Rovereto (1972-1976) e S. Camillo Trento (1976-78)

- Medico ospedaliero e dirigente medico presso il servizio di Audiologia Arcispedale S.Anna Ferrara (1978-2003)

- Incarico di ricerca dall’Università (2003-2013)

Insegnamenti

- Professore presso le scuole di specializzazione medica e per tecnici di audiometria, logopedia, audioprotesi, Università di Ferrara (1978-2016)

Ricerca

- Neurofisiologia uditiva di base e applicata alla diagnostica otoneurologica

- Psicoacustica applicata alle verifiche protesiche.

Pubblicazioni
- Autore di 230 pubblicazioni di argomento audiologico di cui 160  "in extenso" su riviste nazionali e internazionali o su volumi. (elenco sul sito docente unife.it)